Domande frequenti sui campi per bambini e ragazzi

Può partecipare un ragazzo che non e' mai stato in barca a vela?
Si la maggior parte dei nostri giovani ospiti non sono mai stati in barca.

I ragazzi sono tutti insieme o sono divisi per età?
Abbiamo due fasce di età che viaggiano su barche diverse: 9-12 anni e 13-16 anni. Per maggior sicurezza le barche seguono lo stesso itinerario ma i due gruppi fanno attività diverse.

Mio figlio non sa nuotare, può partecipare?
Tecnicamente non occorre saper nuotare. Il rischio di cadere in acqua e' basso e comunque a bordo ci sono i giubbetti salvagente. Il problema del non saper nuotare e' che non si può partecipare a molte attività didattiche e ludiche

E se mio figlio soffre il mal di mare?
Di mal di mare possono soffrire tutti ma noi siamo molto attenti a non navigare mai in situazioni di mare mosso. Se dovesse succedere comunque la cosa si risolve nel giro di poco tempo perche' basta fermarsi e fare un bagno per far passare tutto! Consigliamo di non somministrare ai ragazzi alcun medicinale preventivo, soprattutto i cerotti che possono essere intossicanti per i piu' piccoli. Se proprio si teme di soffrirne possono aiutare i "braccialetti" che si trovano in qualsiasi negozio di nautica e in alcune farmacie.

Chi sono accompagntori di mio figlio?
Gli skippers sono tutti professionisti che fanno questo mestiere a tempo pieno e sono abituati a lavorare con i ragazzi. Gli altri accompagnatori sono guide ambientali qualificate. Per saperne di più su di noi visita la pagina "chi siamo"

E' una vacanza adatta a una ragazza?
Certamente! Le nostre attività sono adatte a tutti! I campi sono misti ma naturalmente non mettiamo nella stessa cabina maschi con femmine. Inoltre uno degli accompagnatori (di solito la guida ambientale) è una donna.

Dove dormono i ragazzi?
Sulle barche, in cabine doppie o triple. Naturalmente cerchiamo di formare equipaggi omogenei per età e non mettiamo mai nella stessa cabina maschi e femmine.

Che barche vengono utilizzate?
Sono dei cabinati di grandi dimensioni dai 45 ai 60 piedi (ovvero 14-18 metri). Le barche sono molto comode ed accessoriate. progettate per navigazioni in qualsiasi condizione meteo anche se con i ragazzi non affrontiamo mai il mare mosso! Gli standard di sicurezza sono altissimi, ben oltre quello che viene richiesto dalla legge. Gli skippers sono tutti professionisti con molti anni e molte miglia di esperienza.

Mio figlio e' fuori dalla fascia di età, può partecipare?
A meno che non si tratti di pochi mesi non accettiamo ragazzi più grandi o più piccoli perché non si integrerebbero nel gruppo.

Come deve essere il bagaglio?
Questo punto e' di fondamentale importanza! Il bagaglio deve essere ridotto al minimo perché lo spazio a bordo e' molto limitato. E' consentito una sola borsa NON RIGIDA a persona. Un trolley sarebbe impossibile da stivare e rappresenterebbe un serio problema a bordo!

Qui c'e' una lista di cosa portare. Tutto quello che non e' scritto qui e' inutile in barca:

  • biancheria intima (poca perché i ragazzi passano la maggior parte del tempo in costume)
  • qualche T-shirt
  • 2 costumi
  • 1 asciugamano
  • 2 paia di pantaloncini
  • 1 felpa
  • 1 giacca leggera (tipo K-Way) in caso di pioggia o vento forte
  • 1 solo paio di scarpe che siano adatte per il trekking e 2/3 paia di calze
  • 1 paio di ciabatte o sandali
  • 1 paio di lenzuola singole con federa
  • 1 beauty case con spazzolino denti, dentifricio e uno shampoo
  • 1 crema solare con fattore protezione alto
  • 1 cappello
  • consigliati gli occhiali da sole
  • maschera sub

Come e quando posso contattare mio figlio?
I telefoni cellulari rappresentano una delle maggiori fonti di disturbo durante le attività e spesso diventano fonte di discriminazione trai ragazzi. Pertanto sono consentiti a bordo ma potranno essere accesi dai ragazzi solo al termine della giornata (tra le ore 20 e le 22) per non disturbare le attività.
Per qualsiasi urgenza fuori orario vi saranno forniti i numeri di cellulare degli skipper. A proposito dei telefoni: in barca a volte ci si trova in zona non coperte da rete telefonica ma il responsabile del campo (che rimane a terra) sa sempre dove sono le barche che comunque possono sempre essere contattate via radio

Mio figlio vorrebbe portare un Ipod/videogioco, e' possibile?
Poiché facciamo molta attenzione alla socializzazione trai ragazzi non sono consentiti I.pod, giochi tipo gameboy, PSP, ecc. I ragazzi altrimenti sarebbero distratti e si isolerebbero.

Mio figlio ha una malattia cronica/allergia/intolleranza, può partecipare?
La nostra politica è cercare di portare in barca tutti senza discriminare nessuno. Nel modulo di iscrizione vi verrà richiesto di compilare una scheda su eventuali cure da seguire, cibi da evitare ecc. Questa scheda (che non sarà divulgata pubblicamente) sarà consegnata allo skipper della barca che si occuperà di controllare il ragazzo. Da tener presente che su una barca alcune cose che diamo per scontate a terra non ci sono: il frigorifero ad esempio non e' sempre disponibile e spesso non c'e' spazio per cucinare menù separati! Per situazioni particolari, malattie rare ecc. si consiglia di contattarci per discutere la fattibilità.

Che succede se mio figlio si ammala?
Siamo sempre abbastanza vicini a centri abitati dove esistono guardie mediche o ospedali. In caso di malessere verrete immediatamente contattati dal responsabile del campo per decidere il da farsi. Non somministriamo mai medicinali ai ragazzi senza la vostra autorizzazione.

C'e' una copertura assicurativa?
I ragazzi sono assicurati con la polizza infortuni della UISP (Unione Italiana Sport per Tutti) alla quale siamo affiliati. Verifica le condizioni sul sito ufficiale www.uisp.it

Come si raggiunge Piombino?
In treno siamo lungo la linea La Spezia-Pisa-Roma; in autostrada fino a Livorno-Rosignano (per chi viene da nord) o Civitavecchia (per chi viene da sud) poi con la superstrada. Da Milano e Firenze e' comodo anche il pullman. Tutte le indicazioni sono nella pagina "come raggiungerci". Nel documento che viene inviato al momento dell'iscrizione ci sono i dettagli sull'appuntamento al porto.

Avete delle referenze?
Siamo da molti anni presenti sull'isola d'Elba e svolgiamo tante attività sia con adulti che con ragazzi. Abbiamo collaborato con scuole di tutta Italia e nel 2010 i Campi del Vento sono stati scelti dal Ministero dell'Ambiente in collaborazione con Legambiente nel progetto pilota "E...state nei parchi". Siamo stati ospiti di trasmissioni radio e Tv. Conusulta la sezione "dicono di noi...." per saperne di più!

logo campi del vento

::Links veloci
DOMANDE SUI CAMPI PER FAMIGLIE

- Quando e dove si parte/rientra?
Con le famiglie l'imbarco è il sabato dalle 18 in poi a PORTOFERRAIO (isola d'Elba). Si raggiunge da Piombino con la prima nave che parte e non occore prenotare. Si sbarca a Portoferraio il sabato successivo alle 9 del mattino

- Si può imbrcare direttamente sulla costa invece che all'Elba?
Normalmente no. Il fatto di imbarcarsi direttamente all'Elba può sembrare scomodo ma presenta numerosi vantaggi. Intanto già dalla prima sera ci si sente in vacanza in un bel posto anzichè essere in un marina moderno e senza anima come Punta Ala o Piombino. Inoltre può capitare che il primo giorno non ci siano le condizioni adatte a fare una traversata in mare aperto (soprattutto per i neofiti) e in tal caso sulla costa si rimarrebbe bloccati! Partendo già dall'Elba invece, anche se le condizioni non fossero ottimali, si riesce a navigare ugualmente perchè l'isola è piena di ridossi. Se al contrario il primo giorno non ci fosse vento all'Elba si può fare subito un bel bagno invece di dover "smotorare" mezza giornata per trovare acque invitanti...

- Devo portare la macchina sull'isola?
No. Non serve, costa molto ed è necessaria la prenotazione. La barca è a qualche centinaio di metri dal molo del traghetto quindi ci si muove a piedi. A Piombino c'è sia il parcheggio custodito sia quello gratuito non sorvegliato. Sono entrambi sicuri.

- quali sono le spese extra?
Carburante, cibo e spese d’ormeggio in porto. Queste vanno divise tra tutti i partecipanti e si gestiscono con cassa comune.
Il carburante di solito ammonta a poche decine di euro a testa (30-60). Se la settimana è ventosa può essere anche meno.
Il vitto è autogestito dagli ospiti: si fa la spesa insieme e si cucina a turno (con skipper ed eventuale guida ambientale a carico). Si spende come a casa.
Le spese d’ormeggio: dipendono dalla frequenza con cui si va in porto. A parte la prima e l'ultima notte spesso passiamo settimane intere senza entrare in porto. La spesa può variare fino ad un massimo di 150 € (in agosto) a notte, sempre da dividere tra tutti

 

 

  

nodo

 

 

 

Dicono di noi...

dicono di noi

clicca qui per accedere alla pagina della nostra rassegna stampa

 


Free Dreamweaver templates | Free Web Hosting